Mostra
Franck Goddio
Robert Wilson
Informazioni
Ufficio Stampa
Contatti
    Città e tesori sommersi | Percorso | Catalogo | The Hilti Foundation | La Venaria Reale
 

Navigazione

pixel graphic
 

Canopo orientale

La leggenda racconta che questo tratto di costa prese il nome dal timoniere Canopo, che morì dopo avervi portato Menelao ed Elena alla fine della guerra di Troia.

Canopo fu fondata prima di Alessandria. Il leggendario timoniere diede il suo nome anche all'area situata a ovest della foce più occidentale del Nilo: la regione canopica. La città di Canopo (chiamata Peguti o Pekuat dagli Egizi) si trova a 35 km a nord-est di Alessandria e, ai tempi dei Tolomei, era collegata ad essa da un canale.
In epoca tolemaica Canopo era centro religioso e politico.
Gli scavi dell'IEASM nell'area occidentale della città hanno portato alla scoperta del Serapeo, tempio dedicato a Serapide.
Famosa in tutto il mondo mediterraneo per le guarigioni e gli oracoli attribuiti a Serapide, Canopo era anche una città dedita al piacere. Come tale, continuò ad attirare visitatori anche in età romana e solo nel IV secolo fu cristianizzata. Il monastero di Metanoia (dal verbo greco metanoein, pentirsi), di cui sono stati ritrovati i resti, fu fondato accanto all'antico tempio dopo che questo fu distrutto dai Cristiani nel 391.
Oggi una porzione di Canopo è parte dell'odierna Abuqir, mentre la zona orientale, sito del Serapeo, è sommersa.
pixel graphic

 
  pixel graphic
| Sitemap | Imprint