Mostra
Franck Goddio
Robert Wilson
Informazioni
Ufficio Stampa
Contatti
    Lo spazio dell'arte | Allestimento | Laurie Anderson | Il Team | Watermill Center
 
 

Theun Mosk

Theun è nato nei Paesi Bassi e ha compiuto i suoi studi alla Theatre School di Amsterdam. Caratteristico del suo metodo di progettazione è che per lui scenografia e luce coincidono. Attraverso la luce si possono creare spazi. È un minimalista nel suo modo di lavorare alla costante ricerca di essenzialità e semplicità. Questo porta a un'atmosfera monumentale. Nella maggior parte delle sue performance il pubblico è circondato dalla scenografia, il che conduce a un'esperienza più fisica; egli manipola gli spazi e crea in questo modo una sensazione di intimità.

Durante il periodo alla Theatre School è stato ispirato dalla regista Karina Holla e insieme hanno realizzato alcune performance. Durante l'ultimo anno della Theatre School ha cominciato a studiare progettazione teatrale presso la Gerrit Rietveld Art Academy. Parallelamente, ha avuto l’opportunità di lavorare come libero professionista e ha cominciato a collaborare con Boukje Schweigman. Insieme hanno realizzato Benen (Gambe) ottenendo ottime critiche e ricevendo alcuni importanti premi olandesi. Benen è stato presentato in tour all'estero (Egitto, Bielorussia e Belgio).

Proseguendo la loro produttiva collaborazione, Sweigman e Mosk hanno realizzato Ground (2003) insieme a Jaap Flier (già danzatore del Netherland Dance Theatre), accolto ancora una volta con favore dalla critica. Theun Mosk si ispira a Robert Wilson, seguendo i suoi workshop al Watermill Center negli USA (2004). Nel dicembre 2005 lavora con Boukje Schweigman al progetto Whirl, insieme al compositore/direttore Paul Koek; questa performance riceve una nomination per il VSCD mime award 2006.

Theun ha diretto la sua prima pièce 3 Paintings nel gennaio 2006 al Teatro Veem di Amsterdam. Ha collaborato con Lotte van de Berg al Toneelhuis Antwerpen in Belgio. La performance Gerucht è attualmente in tour mondiale. Mosk ha vinto il Charlotte Kohler Award 2007, uno dei premi d’arte più prestigiosi nei Paesi Bassi. Nell’estate 2007 Mosk e Schweigman hanno collaborato con l'artista americano Robert Wilson a Walking per l’Oerol Festival Terschelling su una delle Isole Olandesi.
pixel graphic

A.J. Weissbard

A.J. Weissbard, light designer americano, lavora a livello internazionale come designer per il teatro, video-arte, mostre, installazioni architettoniche permanenti ed eventi speciali. Collabora continuativamente con numerosi artisti tra cui i registi Robert Wilson, Peter Stein, Daniele Abbado e Bernard Sobel, il regista cinematografico Peter Greenaway, gli artisti visivi William Kentridge, Fabrizio Plessi e Vadim Fishkin, e gli architetti Gae Aulenti, Pierluigi Cerri, Richard Gluckman e Matteo Thun, tra gli altri.

Ha collaborato a produzioni di opera, teatro e danza nei maggiori enti lirici, festival e teatri del mondo, inclusi Lincoln Center di New York, Los Angeles Opera, Brooklyn Academy of Music, Opera Garnier e Theatre du Chatelet a Parigi, Opera La Monnaie di Brussels, Teatro Real Madrid, Piccolo Teatro di Milano, Teatro di Epidauro, Schaubuhne di Berlino, Esplanade Singapore e Bunka Kaikan Tokyo; a produzioni multimediali e mostre in musei tra cui Guggenheim di New York e Bilbao, Royal Academy London, Petit Palais Paris, Vitra Design Museum, Triennale di Milano, Kunstindustrimuseum di Copenhagen, Shanghai Art Museum; a eventi speciali come per Aichi World Expo 2005, la Biennale di Venezia, il Salone del Mobile di Milano, la Bienal de Valencia.

Recentemente ha preso parte alle mostre "Giorgio Armani Retrospective", "A Speedy Day" per la Biennale di Venezia e "Sebastiano del Piombo" a Palazzo Venezia a Roma; alle produzioni "Parsifal" alla Los Angeles Opera, "Lady from the Sea" al Teatr Dramatyczny di Varsavia e "Quartett" al Theatre Odeon di Parigi, "La mosca" di Howard Shore al Theatre du Chatelet con la regia di David Cronenberg e "Sogno di una notte di mezza estate" al Piccolo Teatro di Milano con la regia di Luca Ronconi.
Un suo progetto speciale "With light regards" è stato presentato al Salone del Mobile nel 2006.

Tra i progetti futuri, un ciclo di opere di Monteverdi al Teatro alla Scala, Milano nelle stagioni 2009-2011; il negozio di Hugo Boss a New York.
AJ Weissbard collabora stabilmente come lighting designer per Change Performing Arts a Milano ed è docente al Watermill Center di New York e come docente a contratto collabora con la Norwegian Theater Academy e la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

Per l’allestimento hanno collaborato con Theun Mosk Matteo Massocco e Valentina Tescari; per lel luci A. L. Weissbard; progetto sonoro di Peter Cerone; Grafica in mostra di Sebastiano Girardi. Il coordinamento progettuale è di Change Performing Arts di Milano (Franco Laera e Elisabetta di Mambro).
pixel graphic

 
  pixel graphic
| Sitemap | Imprint